Posts by:

mixadm

Data Center e Internet Exchange: la combinazione ideale per una connettività senza soluzione di continuità

Nell’era digitale, i dati sono la linfa vitale di imprese, istituzioni e privati. La capacità di accedere, archiviare e trasmettere dati senza soluzione di continuità è fondamentale per il funzionamento del nostro mondo interconnesso. I data center e gli Internet Exchange svolgono un ruolo fondamentale in questo ecosistema e costituiscono un’accoppiata che sostiene il flusso ininterrotto di informazioni in tutto il mondo.

In questo articolo, esploreremo come i data center e gli Internet Exchange lavorano insieme per garantire connettività continua e perché questa collaborazione è essenziale oggi.

Il ruolo dei data center

I data center sono la spina dorsale dell’informatica moderna e dell’archiviazione dei dati. Sono progettati per archiviare e gestire grandi quantità di dati, dalle foto personali ai database aziendali e molto altro ancora. Di seguito sono elencate alcune funzioni chiave dei data center:

Archiviazione dei dati: I data center forniscono un ambiente sicuro e affidabile per l’archiviazione dei dati. Utilizzano tecnologie sofisticate per garantire l’integrità e la disponibilità dei dati.

Elaborazione dei dati: Molti data center ospitano anche potenti server e risorse di calcolo che elaborano i dati in tempo reale. Questo è fondamentale per applicazioni come i servizi di streaming, i giochi online e le transazioni finanziarie.

Ridondanza: I data center sono progettati in modo da garantire la ridondanza, ovvero dispongono di sistemi di backup per assicurare un funzionamento ininterrotto anche in caso di guasti hardware o eventi estremi.

Sicurezza: I data center sono strutture altamente sicure e sono spesso dotati di misure di sicurezza fisiche e digitali a più livelli per proteggere i dati sensibili.

Il ruolo degli Internet Exchange

Anche gli Internet Exchange (IXP) sono componenti cruciali dell’infrastruttura globale di Internet. Consentono agli Internet Service Provider (ISP), ai content provider e ad altre organizzazioni di scambiare il traffico direttamente, anziché di instradarlo attraverso reti di terzi. Le funzioni principali degli Internet Exchange includono:

Scambio di traffico: Gli IXP sono luoghi di interconnessione in cui le reti possono condividere il traffico. Questo approccio minimizza l’utilizzo di percorsi lunghi e articolati, contribuendo a ottenere una trasmissione dei dati più veloce ed efficiente.

Riduzione della latenza: Minimizzando la distanza che i dati devono percorrere tra le reti, gli IXP riducono la latenza o il ritardo, assicurando che le applicazioni web, le videochiamate e altri servizi funzionino in modo ottimale.

Riduzione dei costi: Gli ISP possono ridurre i costi scambiando il traffico presso un IXP, evitando così di pagare tariffe di transito ad altri fornitori di rete.

Resilienza: Gli Internet Exchange aumentano la resilienza di Internet fornendo più punti di interconnessione. Se un IXP ha problemi, il traffico può essere reindirizzato verso altri exchange, riducendo al minimo le interruzioni.

La sinergia tra Data Center e Internet Exchange

La sinergia tra data center e Internet Exchange si può notare in diversi aspetti:

Vicinanza: I data center sono spesso situati vicino ai principali punti di scambio Internet. Questa vicinanza riduce la latenza associata alla trasmissione dei dati tra i due, garantendo una connettività più veloce e affidabile.

Distribuzione dei dati: Le reti di distribuzione dei contenuti (CDN) e i fornitori di cloud spesso collocano le loro infrastrutture all’interno dei data center. Questi soggetti traggono vantaggio dalla vicinanza agli Internet Exchange, consentendo loro di distribuire in modo efficiente i dati agli utenti finali.

Ridondanza: I data center spesso dispongono di connessioni di rete multiple verso vari Internet Exchange. Tale ridondanza garantisce percorsi alternativi che possono essere utilizzati quando una connessione di interrompe.

Scalabilità: Sia i data center sia gli Internet Exchange sono progettati seguendo criteri di scalabilità. Con l’aumento della domanda di dati, queste strutture possono espandere la loro infrastruttura per soddisfare l’aumento del traffico.

Conclusioni

Nel mondo iperconnesso di oggi, la collaborazione tra data center e Internet Exchange è fondamentale per garantire una connettività senza soluzione di continuità. I data center forniscono la potenza di archiviazione e di elaborazione necessaria alla nostra società basata sui dati, mentre gli Internet Exchange ottimizzano il flusso di dati tra le reti.

Insieme, creano un ecosistema solido ed efficiente che sostiene l’economia digitale, consentendoci di rimanere connessi, condividere informazioni e lavorare con facilità. Con l’avanzare della tecnologia, questa collaborazione è destinata a rimanere una pietra miliare della nostra infrastruttura digitale, assicurando che un futuro data driven sia disponibile e sicuro per tutti.

By 0 Comments

MIX Gold Sponsor di PeeringDB

MIX è lieta di annunciare che, a partire dal 2024, è Gold Sponsor di PeeringDB

PeeringDB è un database ad accesso libero, contenente informazioni sulle reti inserite direttamente dagli utenti. Si tratta di un progetto senza scopo di lucro, gestito e promosso da volontari, con l’obiettivo di favorire la crescita di Internet e, nel tempo, si è affermato come un vero e proprio punto di riferimento per chiunque si occupi di interconnessioni.

Attraverso Peering DB, infatti, è possibile ottenere informazioni sulle reti e sulle modalità per interconnettersi a esse, nonché sulla loro presenza presso Internet Exchange Point (IXP), data center e altre strutture di interconnessione. È quindi, una risorsa preziosa per prendere decisioni su qualsiasi tipo di interconnessione.

A tal proposito, MIX da sempre incoraggia i propri clienti a sfruttare appieno questa opportunità: la presenza su PeeringDB massimizza la visibilità della propria rete nei confronti di potenziali partner di peering, facilita la gestione delle relazioni di peering e consente di sfruttare al meglio i vantaggi di essere parte integrante dell’ecosistema di MIX. 

Con questa sponsorizzazione, MIX intende rafforzare ulteriormente il suo impegno nel migliorare l’ecosistema digitale, sostenere lo sviluppo di Internet e offrire vantaggi tangibili ai suoi clienti.

By 0 Comments

MIX Interview: Conosciamo il nostro CCO, Cristiano Zanforlin

In cosa consiste il tuo ruolo a MIX?

In qualità di Chief Commercial Officer di MIX, dirigo sia il dipartimento vendite sia quello marketing. Ciò significa che sono coinvolto nella fase di acquisizione di nuovi clienti e anche nella gestione delle comunicazioni con quelli esistenti, dalla progettazione della documentazione che inviamo loro fino alla gestione degli eventi nei quali li incontriamo faccia a faccia. Gli Internet Exchange svolgono un ruolo importante nell’ambito della community delle infrastrutture digitali e gran parte del mio lavoro consiste nel facilitare la gestione di questa community con una comunicazione chiara.

Inoltre, partecipo spesso a eventi nazionali e internazionali per conto di MIX. Dai meeting ITNOG, che si svolgono in Italia, a grandi eventi come Capacity Europe. Sono molto fortunato ad aver viaggiato molto con il mio lavoro e ad aver incontrato tante persone provenienti da diversi ambiti dell’infrastruttura digitale.

Qual è l’aspetto del tuo lavoro che preferisci?

Non mi annoio mai a spiegare le complessità di Internet ai nuovi arrivati. Alcuni potrebbero trovare noioso ripetere sempre le stesse informazioni, ma a me piace moltissimo aiutare qualcuno a capire la portata e i meccanismi del mondo online. Trovo immensa soddisfazione nel condividere le mie conoscenze con i giovani che ogni anno entrano nel nostro settore.

Inoltre, introdurre i nuovi arrivati ai meccanismi di Internet e guidarli nel processo di acquisizione delle competenze digitali è molto gratificante. Assistere alla loro crescita personale e all’aumento della loro fiducia nel navigare con sicurezza questo settore complesso è uno degli aspetti migliori del mio lavoro.

Sta accadendo qualcosa di particolarmente entusiasmante a MIX in questo momento?

La recente apertura di un nuovo Point of Presence (PoP) a Roma (e a breve anche a Caserta) è davvero emozionante per tutti noi di MIX. Questo passo contribuisce a consolidare il nostro ruolo di piattaforma di Internet Exchange più importante in Italia, consentendo agli operatori del centro-sud, non ancora collegati a MIX, di entrare in contatto con oltre 270 nuove reti. Il nostro impegno per un’espansione a livello nazionale era già iniziato nel 2017 nel data center Open Hub Med a sud di Palermo, proseguito nel 2022 nel data center di Lepida a Bologna; adesso si estende a Roma, per ora in Cloud Europe e a Caserta in Data Felix. Lo scopo è quello di andare incontro alle esigenze degli operatori TLC delle regioni del centro e del sud Italia di disporre di sempre maggior resilienza e performance.

Ponendo questi Internet Exchange indipendenti all’interno di data center di terze parti con un’affidabilità di prim’ordine e ampi spazi, diamo la possibilità a decine di operatori di entrare immediatamente nella nostra rete. L’importanza di questa espansione non consiste solo nello scambio locale di dati e nella riduzione dei tempi di accesso per Content e Service Provider, ma anche nella maggiore disponibilità di tecnologie ad alte prestazioni. La nostra aspirazione è quella di promuovere iniziative locali solide e creare forti alleanze con i fornitori di data center, favorendo la creazione di comunità di interessi più decentrate, tutte rafforzate dalla presenza dei nostri PoP.

Che cambiamento ti piacerebbe vedere nell’infrastruttura digitale?

Credo fermamente che i rapidi sviluppi dell’intelligenza artificiale giocheranno un ruolo significativo nel nostro futuro e, pur restando affascinato da questo mondo, spero di vedere una certa sensibilità nella gestione delle nuove tecnologie da parte della nostra industry, in quanto potenzialmente pericolose. Anche se ritengo che saranno più colpiti altri comparti rispetto a quello delle infrastrutture digitali, c’è ancora molto margine di cambiamento nel nostro settore, il che potenzialmente è fonte di preoccupazione.

Il cambiamento che mi auspico è un’adozione graduale e attentamente gestita di queste tecnologie all’interno del settore, accompagnata da un impegno verso una maggiore trasparenza nelle applicazioni dell’AI. Oggi è necessario aumentare la divulgazione dei contenuti generati dall’AI, ma soprattutto è importante distinguerli da quelli creati dall’uomo, consentendo ad aziende e individui di operare in sicurezza.

Perché le connessioni alle reti italiane dovrebbero essere sfruttare da un maggior numero di aziende?

Negli ultimi due decenni abbiamo assistito a un notevole aumento del traffico Internet e questo ha dimostrato l’incredibile potenziale delle interconnessioni. L’Italia, strategicamente posizionata nel cuore del Mediterraneo, funge da gateway ideale, collegando l’Europa agli altri continenti senza soluzione di continuità. Questo vantaggio geografico non solo migliora l’affidabilità e l’efficienza del trasferimento dei dati, ma apre anche infinite opportunità a collaborazioni internazionali ed espansione del mercato. Si dovrebbe infatti sfruttare la potenza della rete italiana per fornire alle imprese una migliore connettività, creando i presupposti per la digitalizzazione a livello globale.

Attualmente sono in fase di sviluppo diversi cavi sottomarini in Italia, alcuni già operativi, con landing stations a Genova, Crotone, Roma e Trieste così come in Sicilia sono presenti cavi che terminano a Palermo, Trapani, Mazara del Vallo, Catania e Pozzallo e in Puglia. Questi “cavidotti digitali” contribuiranno a rafforzare ulteriormente il potenziale di connettività del nostro Paese consacrando il posizionamento strategico dell’Italia nel Mediterraneo.

C’è qualcos’altro che vorrebbe aggiungere?

Una delle iniziative più importanti di MIX è MIX’COOL, un progetto dedicato alle scuole secondarie di secondo grado. Organizziamo momenti divulgativi rivolti gli studenti – online o presso il data center di MIX -, durante i quali parliamo di alcuni aspetti dell’infrastruttura digitale che i ragazzi utilizzano ogni giorno senza saperlo e mostriamo loro come si muovono i dati a livello globale.

Mettere in contatto le scuole con le aziende è molto importante poiché queste ultime spesso faticano ad attrarre giovani talenti. MIX vuole motivare i giovani a scoprire di più sul mondo digitale con cui interagiscono così spesso, con l’intento di incoraggiarli a intraprendere carriere nel settore. Infatti, l’edizione 2023 del Salotto, l’evento annuale di MIX, si è aperta con una sessione di due ore dedicata alle scuole, a dimostrazione di come l’impegno verso l’educazione dei giovani sia per noi una priorità.

By 0 Comments

Le autostrade dei dati: come i punti di interscambio Internet rendono più efficiente il traffico online

Nell’era digitale in rapida evoluzione, i punti di intercambio Internet (IXP) svolgono un ruolo fondamentale nel garantire il corretto funzionamento e l’efficienza di Internet. Spesso paragonati a autostrade dei dati, gli IXP sono i nodi centrali in cui i vari fornitori di servizi Internet (ISP), le reti di distribuzione dei contenuti (CDN) e i fornitori di reti convergono per facilitare lo scambio rapido del traffico Internet. Oggi approfondiremo come gli IXP rendono più efficiente il traffico online e perché sono essenziali per il corretto funzionamento di Internet.

L’Efficienza degli IXP

Gli IXP sono elementi essenziali nell’ottimizzare il flusso di dati su Internet. Esploriamo come questi fondamentali punti di interconnessione migliorano l’efficienza del traffico online.

Riduzione della latenza: Uno dei principali vantaggi apportati dagli IXP è la loro capacità di ridurre al minimo la latenza. La latenza è il ritardo nella trasmissione dei dati dalla fonte alla destinazione. Gli IXP sono strategicamente posizionati in punti centrali in cui si interconnettono molteplici reti. Riunendo insieme più reti, i dati non devono attraversare distanze geografiche estese, con conseguente riduzione della latenza. Ciò significa che i servizi online possono rispondere più rapidamente alle richieste degli utenti. Ad esempio, le pagine web si caricano più velocemente, i video vengono trasmessi senza buffering e le esperienze di gioco online sono più fluide.

Ottimizzazione del Routing: Gli IXP consentono rotte più dirette ed efficienti per la trasmissione dei dati. A differenza dei tradizionali fornitori di transito che possono fornire percorsi “tortuosi”, gli IXP offrono una via più semplice per lo scambio di dati. L’ottimizzazione del routing garantisce che i dati raggiungano la loro destinazione con ritardi minimi, contribuendo all’efficienza complessiva del traffico online.

Connessioni Peer-to-Peer: Gli IXP promuovono le connessioni peer-to-peer (P2P) tra reti. In una connessione P2P, ISP e fornitori di reti accettano di scambiare il traffico direttamente senza transazioni finanziarie. Ciò favorisce un trasferimento efficiente dei dati perché riduce la necessità di passare attraverso intermediari di terze parti. Di conseguenza, i contenuti raggiungono gli utenti più rapidamente, con un miglioramento dell’esperienza di navigazione.

Efficienza dei costi: Eliminando la dipendenza da fornitori di transito di terze parti, gli IXP contribuiscono a ridurre i costi per gli ISP e per i fornitori di reti. Quando i dati vengono scambiati direttamente presso un IXP, si evitano costosi accordi di transito a lunga distanza. Questi risparmi possono essere girati sui consumatori, rendendo i servizi Internet più accessibili.

Contenuto localizzato: La gestione a livello locale dei contenuti è un altro fattore chiave nel migliorare l’efficienza del traffico online. Gli IXP favoriscono l’hosting di contenuti più vicino agli utenti finali, un concetto noto come Reti di Distribuzione dei Contenuti (CDN). Distribuendo i contenuti attraverso vari IXP, servizi di streaming, fornitori di servizi cloud e applicazioni online possono ridurre le distanze di trasferimento dei dati, migliorando ulteriormente le prestazioni e l’efficienza.

Alta ridondanza: Gli IXP spesso dispongono di molteplici Punti di Presenza (PoP) all’interno di una stessa regione garantendo così un’alta ridondanza. In caso di guasti di rete o di attacchi informatici, il traffico può essere instradato attraverso percorsi alternativi. La ridondanza migliora l’affidabilità di Internet e assicura un flusso di traffico regolare anche durante le interruzioni.

Innovazione e concorrenza: Gli IXP promuovono la concorrenza e l’innovazione fornendo un terreno di gioco equo sia per i fornitori di rete affermati sia per quelli emergenti. Ciò favorisce un ecosistema Internet dinamico e incoraggia lo sviluppo di nuovi servizi e tecnologie, migliorando così l’efficienza del traffico online.

Conclusioni

Gli IXP sono i supereroi nascosti di Internet, che lavorano diligentemente dietro le quinte per garantire che il traffico online fluisca in modo efficiente e regolare. Riducendo la latenza, ottimizzando le rotte dei dati e promuovendo connessioni peer-to-peer, gli IXP contribu­iscono in modo significativo al miglioramento dell’esperienza dell’utente. Inoltre, il loro approccio improntato all’efficienza dei costi, l’impegno a mantenere i contenuti locali e gli elevati livelli di ridondanza li rendono componenti indispensabili dell’infrastruttura di Internet. Con il continuo sviluppo del panorama digitale, il ruolo degli IXP nel plasmare le nostre esperienze online diventerà sempre più evidente, portando a una Internet più efficiente e interconnessa.

By 0 Comments

L’interconnessione delle persone: perché il networking è fondamentale per garantire il successo degli Internet Exchange

Nell’era digitale, Internet funge da spina dorsale della comunicazione globale e dello scambio di informazioni. Gli Internet Exchange Point (IXP) si trovano al centro di questa intricata rete di dati, e consentono lo scambio di traffico Internet tra le varie reti e gli Internet Service Provider (ISP) senza soluzione di continuità. Mentre gli aspetti tecnici degli IXP sono ben compresi, l’elemento umano della rete all’interno e intorno a questi punti di scambio è altrettanto vitale per il mantenimento del loro successo e l’avanzamento dell’ecosistema digitale.

La funzione principale dei punti di interscambio Internet

Prima di approfondire l’importanza del networking, è essenziale comprendere la funzione principale degli IXP. Gli IXP fungono da punti di incontro nei quali diverse reti possono connettersi, consentendo uno scambio di traffico efficiente. Interconnettendo le loro reti a questi punti, gli ISP e i content provider possono migliorare la gestione dei dati, ridurre la latenza, potenziare le prestazioni di rete e, in definitiva, offrire un’esperienza utente migliore ai propri clienti.

1. Agevolare la collaborazione e la partnership

Il networking è il cuore del successo degli IXP. Questi luoghi offrono un’opportunità unica per i professionisti del settore – ingegneri di rete e stakeholders – di interagire, collaborare e creare partnership strategiche. Che si tratti di eventi come il Salotto, di workshop o di incontri informali, gli eventi di networking consentono di condividere conoscenze, scambiare idee e affrontare collettivamente le sfide del settore delle infrastrutture digitali.

2. Favorire l’innovazione e la crescita

Il networking agisce anche come catalizzatore per l’innovazione e la crescita nel settore tecnologico e delle telecomunicazioni. Quando reti diverse e individui con diversi background si uniscono, portano con loro una ricchezza di prospettive, esperienze e competenze. La pluralità di punti di vista porta alla scoperta di nuove soluzioni, allo sviluppo di tecnologie all’avanguardia e all’evoluzione stessa di Internet.

3. Rinforzare la comunità di Internet

Gli IXP contribuiscono allo sviluppo di una comunità Internet globale molto unita. Quando gli operatori interagiscono e stabiliscono connessioni presso questi punti di scambio, emerge un senso di solidarietà e di condivisione degli obiettivi. Questa interconnessione supera i confini e favorisce uno spirito collaborativo tra gli operatori del settore, portando a sforzi congiunti per migliorare l’infrastruttura, la sicurezza e l’accesso a Internet in tutto il mondo.

4. Affrontare sfide e questioni normative

Il networking presso gli IXP si rivela anche una base per affrontare le sfide e le questioni normative che riguardano Internet e i suoi utenti. Attraverso il dialogo e la collaborazione, le parti interessate possono affrontare collettivamente questioni come la sicurezza informatica, la neutralità della rete, i problemi di privacy e il digital divide, aprendo la strada a un futuro digitale più inclusivo, sicuro ed equo.

5. Formare la prossima generazione di professionisti

Oltre a favorire la collaborazione tra professionisti, il networking presso gli IXP svolge un ruolo fondamentale nella formazione della prossima generazione di esperti di Internet. Gli aspiranti ingegneri di rete, data scientist e informatici che entrano in contatto con i veterani del settore, ottengono preziosi insight e consigli che possono plasmare le loro carriere e spingerli a dare un contributo significativo al panorama digitale.

Riflessioni finali

Gli IXP sono indubbiamente la spina dorsale dell’infrastruttura tecnica di Internet, ma per il loro successo l’elemento umano del networking è un fattore cruciale. Al di là dei pacchetti di dati e dei cavi, è l’interconnessione delle persone che alimenta l’innovazione, la cooperazione e il progresso nell’industria tecnologica.

Guardando al futuro della connettività digitale, dovremmo riconoscere e celebrare l’importanza di interconnettere le persone. Abbracciando la collaborazione, favorire l’innovazione e affrontare le sfide comuni insieme, la comunità globale di Internet può garantire che gli IXP continuino a essere all’avanguardia nel guidare un mondo digitale più connesso, inclusivo e prospero.

By 0 Comments

MIX Interview: Conosciamo insieme la nostra Responsabile amministrativa, Monica Arensi

In cosa consiste il tuo ruolo a MIX?

In qualità di responsabile dell’amministrazione e della segreteria generale di MIX, il mio ruolo è fondamentale per mantenere il corretto funzionamento delle nostre attività. Supervisiono le operazioni amministrative quotidiane, tra cui la corrispondenza, le riunioni, gli eventi e i registri. Inoltre, mi occupo di costruire relazioni solide con i nostri soci, per garantire la loro soddisfazione e il loro impegno.

Qual è l’aspetto migliore del tuo lavoro?

Sicuramente l’autonomia che mi permette di avere il mio ruolo: ho la libertà di pianificare le attività e le scadenze; quindi, sono in grado di lavorare da sola. Mi piace tuttavia, quando intraprendo progetti con altri membri del team di MIX, il rapporto di collaborazione. Siamo un team molto affiatato, quindi la collaborazione risulta facile e piacevole con tutti.

Sta accadendo qualcosa di particolarmente entusiasmante a MIX in questo momento?

In questo momento stanno accadendo molte cose interessanti! Stiamo attraversando un cambio di management che porterà in MIX una maggiore visione strategica aziendale e ci aiuterà a crescere ulteriormente. Stiamo anche ampliando la nostra infrastruttura fisica aprendo punti di presenza in nuovi datacenter di diverse città italiane. Questa espansione ci consentirà di aiutare la crescita di un maggior numero di aziende italiane e di consolidare la nostra posizione di piattaforma di interconnessione leader in Italia.

In qualità di prima dipendente MIX, quali sono i principali cambiamenti avvenuti nell’azienda da quando hai iniziato?  

Il cambio di gestione è sicuramente uno degli sviluppi più importanti, stimolanti e gratificanti da quando ho iniziato. Negli ultimi anni MIX è cresciuta molto in termini di potenziale ed è arrivato il momento di sviluppare ulteriormente tutto ciò che è stato seminato nei venti anni precedenti. Credo sia davvero un periodo emozionante per lavorare qui in MIX!

Come ritieni sia cambiato il settore negli ultimi 20 anni?

Il settore delle telecomunicazioni, facendo parte dell’industria tecnologica, è, per sua natura, sempre estremamente frenetico. La pandemia ha dimostrato come un punto di interscambio ben strutturato e organizzato possa fare la differenza per tutti: lavoratori, studenti, cittadini e aziende. Sono orgogliosa di far parte del settore che, durante il blocco causato dal Covid, ha garantito uno dei servizi essenziali per permettere ad aziende e famiglie di non fermarsi.

Lavorando a stretto contatto i con nuovi clienti, quali pensa siano i motivi principali per cui le aziende scelgono di interconnettersi a MIX?

MIX viene scelta dai clienti vecchi e nuovi per l’affidabilità, la sicurezza, la competenza e la disponibilità di tutto il personale. Fondata nel 2000, MIX è uno degli attori delle telecomunicazioni più longevo in Italia e credo che molti si fidino di noi proprio per questo. Nonostante le difficili condizioni globali, negli ultimi 23 anni siamo cresciuti molto e abbiamo avuto successo, credo sia per questo che le aziende spesso si sentono sicure nelle nostre mani.

Ci sono eventi interessanti in programma che vorrebbe condividere?

Siamo molto orgogliosi dell’apertura dei PoP di Roma e di Caserta. Questi due PoP sono frutto di un progetto di espansione su scala nazionale avviato e approvato dal Consiglio di Amministrazione già nel 2017. Questo sviluppo faciliterà e incoraggerà lo scambio di dati a livello locale, offrendo soluzioni ottimali per Content e Service Provider che richiedono tempi di accesso ridotti. Aumenterà inoltre la disponibilità di accesso a tecnologie ad alte prestazioni e ad alta affidabilità.

By 0 Comments

MIX apre a Roma: in Cloud Europe arrivano 270 reti oggi presenti solo nell’IXP milanese

Nel nuovo peering point pubblico locale, gli ISP di dimensioni medio-piccole avranno l’opportunità di ridondare la propria rete restando a Roma, mentre i grandi content provider potranno diversificare fisicamente il nodo di peering della Capitale

MIX, la principale piattaforma di interscambio di reti in Italia con sede a Milano, e Cloud Europe, carrier-neutral data center certificato Tier IV ubicato a Roma nel Tecnopolo Tiburtino, annunciano di aver finalizzato un accordo di partnership per lo sviluppo del mercato digitale della Capitale.

Dal 29 novembre il data center Cloud Europe ospita MIX-Roma, il primo nodo della piattaforma di peering locale di MIX dedicato all’ecosistema del Centro Italia, protagonista di un processo di rapida crescita destinato a ulteriori sviluppi, sostenuti dal volume di dati atteso dai data center e cavi sottomarini in corso di realizzazione.

MIX-Roma nasce dall’esigenza degli operatori di disporre di una piattaforma dedicata per incrementare la resilienza del sistema ed essere in grado di gestire le ingenti quantità di traffico provenienti già oggi da Cloud Europe e, in futuro, anche dai data center in costruzione.

Il nuovo Internet Exchange locale è affiancato dalla remotizzazione della LAN di MIXMilano riservata agli ISP che non sono ancora connessi a MIX e che desiderano fare peering con le oltre 270 reti attualmente non presenti a Roma.

CloudEurope è lieta di ospitare MIX all’interno del Green Data Center TIER IV Carrier independent, presso il Tecnopolo Tiburtino, sviluppato all’interno del proprio campus di oltre 60.000 metri quadri, che rappresenta oggi la soluzione ideale per la business continuity e uno dei principali hub tecnologici del Paese.

“Lo sviluppo simbiotico tra Internet Exchange e Carrier-Neutral Data Center, da sempre un nostro mantra, è diventato un pilastro alla base delle infrastrutture digitali in tutti i Paesi. Cloud Europe è un Data Center operativo su Roma dal 2010: c’è stata da subito piena sintonia e per MIX rappresenta il partner ideale per stringere un’alleanza cooperativa e sostenere la crescita del comparto. Siamo appena partiti ma, dal fermento che si è creato in questi ultimi mesi su Roma, siamo convinti di essere nella giusta direzione.” così ha dichiarato Cristiano Zanforlin, Chief Commercial Officer di MIX.

“Il Green Data Center CloudEurope è stato progettato e realizzato con l’obiettivo di garantire sostenibilità a basso impatto ambientale, attraverso l’acquisto di energia a garanzia di fonti rinnovabili.

Diversi sono i clienti, gli hyperscaler, gli istituti bancari, i system integrator e le piattaforme di streaming che hanno scelto Cloud Europe per la sua specifica configurazione e la vicinanza agli utenti finali del Centro Italia”, riferisce Giulio Iucci, CEO di Cloud Europe.

Ad oggi il Data Center romano rappresenta il principale punto di interscambio degli operatori di telecomunicazioni nazionali e internazionali del Centro Italia.

By 0 Comments

Internet più green: Gli sforzi del settore degli Internet Exchange per un futuro sostenibile

Nella rapida evoluzione dell’era digitale, Internet è diventato parte integrante della nostra quotidianità. Ci connette, ci semplifica la vita e ci mette a disposizione un modo di conoscenze a portata di mano. Tuttavia, questa comodità ha un prezzo: l’impatto ambientale di Internet. I data center e le infrastrutture di rete si stanno espandendo per soddisfare l’incremento della domanda di servizi online, cresce quindi l’esigenza di rendere Internet più sostenibile. Questo articolo analizza gli sforzi messi in atto dal comparto degli Internet Exchange per fare strada a un Internet più sostenibile.

Comprendere l’impatto ambientale

Prima di approfondire le iniziative di sostenibilità, è essenziale comprendere l’impatto ambientale di Internet. I data center sono strutture altamente energivore. Richiedono un raffreddamento costante, consumano enormi quantità di elettricità e contribuiscono in modo significativo alle emissioni di carbonio. Lo stesso discorso vale per l’intera infrastruttura di rete.

Il ruolo dell’industria degli Internet Exchange

Gli Internet Exchange Points (IXP) giocano un ruolo cruciale nel rendere Internet sostenibile. Si tratta di luoghi fisici in cui più Internet Service Providers (ISP) collegano le loro reti per scambiare il traffico. Gli IXP fungono da hub digitali, riducendo la necessità di far viaggiare i dati su lunghe distanze e minimizzando il consumo energetico. La localizzazione del traffico contribuisce a rendere Internet più sostenibile.

Iniziative sostenibili nel settore degli Internet Exchange

Il settore degli Internet Exchange ha riconosciuto l’urgenza di gestire il proprio impatto ambientale. Ecco alcune delle principali iniziative intraprese.

Utilizzo di energia rinnovabile: Molti IXP, per alimentare i loro data center e la loro infrastruttura di rete, stanno passando a fonti di energia rinnovabile come l’energia solare, eolica e idroelettrica. Questa transizione riduce le emissioni di carbonio e la dipendenza dai combustibili fossili.

Efficienza energetica: Un’altra priorità è quella di migliorare l’efficienza energetica dei data center e delle apparecchiature di rete. Le misure comprendono l’utilizzo di sistemi di raffreddamento avanzati, l’ottimizzazione delle configurazioni dei server e la progettazione di edifici ecosostenibili.

Riduzione dei rifiuti: La riduzione al minimo dei rifiuti di tipo elettronico fa parte dell’agenda della sostenibilità. Il riciclaggio, il riutilizzo e lo smaltimento sostenibile delle vecchie apparecchiature stanno diventando pratiche standard nel settore.

Infrastrutture ecosostenibili: Costruire data center e infrastrutture di rete più sostenibili è una tendenza in forte crescita. Per ospitare i data center vengono costruiti edifici ecologici, che rispettano gli standard ambientali per l’utilizzo di energia e risorse.

Ottimizzazione del traffico: Gli Internet Exchange Point stanno ottimizzando il traffico di dati per minimizzare la latenza e ridurre la distanza percorsa dai dati. In questo modo l’energia necessaria per la trasmissione dei dati è minore.

Collaborazione e condivisione delle conoscenze: Il settore degli Internet Exchange ha messo in campo delle buone prassi per la condivisione di conoscenze nell’ambito della sostenibilità, per favorire l’adozione di pratiche sostenibili in tutto il settore.

L’impatto positivo

L’attenzione alla sostenibilità ha già prodotto riscontri positivi.

Riduzione delle emissioni di carbonio: Grazie all’adozione di energie rinnovabili e al miglioramento dell’efficienza energetica, il settore sta riducendo in modo significativo le proprie emissioni di carbonio.

Riduzione dei costi energetici: Le iniziative per uno sviluppo sostenibile consentono di risparmiare sui costi, rendendo il settore economicamente più vantaggioso.

Maggiore affidabilità: Lo scambio di traffico localizzato aumenta l’affidabilità e la resilienza di Internet, diminuendo eventuali malfunzionamenti regionali.

Ispirazione globale: Questi sforzi verso la sostenibilità stanno ispirando altri settori a seguirne l’esempio, contribuendo in modo più attento alla salvaguardia dell’ambiente.

Il futuro

Nonostante i progressi compiuti, c’è ancora molto lavoro da fare per rendere il settore degli Internet Exchange completamente sostenibile. Si richiedono investimenti costanti in energie rinnovabili, continua ricerca e sviluppo di nuove tecnologie efficienti dal punto di vista energetico e un impegno assiduo per ridurre le emissioni di carbonio.

Anche agli utenti finali di Internet possono fare la loro parte, utilizzando i servizi online in modo responsabile, riducendo al minimo la propria impronta digitale e sostenendo le aziende e le organizzazioni che danno priorità alle iniziative ecologiche.

In conclusione, il percorso verso la sostenibilità degli Internet Exchange è un passo fondamentale per la creazione di un Internet più green. Adottando fonti di energia rinnovabili, migliorando l’efficienza energetica e collaborando per condividere le migliori pratiche, questo settore sta lavorando diligentemente per ridurre il proprio impatto ambientale. Con un impegno costante, possiamo sperare in un futuro digitale più sostenibile.

By 0 Comments

MIX efficienta l’approvvigionamento energetico e sigla un PPA per l’acquisto di energia da fotovoltaico da MET Energia Italia

L’accordo prevede la commercializzazione, da parte di MET Energia, dell’intera produzione di energia dell’impianto fotovoltaico siciliano Mirto Solarpark.

Milano, 3 novembre 2023

MIX S.r.l., Internet Exchange Point (IXP) leader in Italia e fornitore di servizi di interconnessione per lo scambio di traffico Internet tra operatori, ha posto le basi per efficientare il proprio processo di approvvigionamento energetico. L’azienda, infatti, ha concluso un contratto di Corporate Power Purchase Agreement (CPPA) della durata di cinque anni con il produttore Solarpack Mirto, la cui produzione di energia da fonte rinnovabile fotovoltaica in Sicilia viene ritirata e dispacciata da MET Energia Italia S.p.A.da.

A partire dal 1 luglio di quest’anno, tutta l’energia prodotta dal parco fotovoltaico siciliano, tramite MET Energia Italia, viene immessa in rete ed acquistata da MIX e, andando a compensare i consumi del data center ubicato nel Caldera Park, sede dell’Internet peering pubblico.

L’operazione è stata coordinata da Spinergy, società di consulenza di lunga data nel campo del portfolio management e dell’ottimizzazione dei costi energetici per clienti industriali.

“L’aumento del costo dell’energia, registrato nel corso del 2022, ha avuto importanti ripercussioni su un comparto altamente energivoro come quello delle telecomunicazioni in cui operiamo, tanto da imporre un cambio totale di paradigma. Per MIX non è più sufficiente scegliere il fornitore migliore: sostenibilità, efficienza, consapevolezza e trasparenza sono i criteri ai quali si ispira il nostro nuovo modo di gestire l’approvvigionamento energetico”, ha dichiarato Alessandro Talotta, Executive President & Chairman MIX.

Con questa operazione MIX dimostra il suo impegno verso l’attuazione di una strategia che punta ad attuare processi di approvvigionamento energetico più efficienti, a vantaggio dell’intero comparto Telco.

MIX – Milan Internet Exchange

MIX, situata nel campus Caldera a Milano, è il principale punto di interscambio (IXP) di reti Internet italiano e tra i primi in Europa in termini di traffico veicolato, con picchi di traffico giornaliero di oltre 2.3 Tbps.

È uno dei pochi IX Europei dotati di propri datacenter dove offre servizi di interconnessione a circa 390 aziende italiane e straniere dotate di una propria rete indipendente (AS), garantendo un servizio di alta qualità, scalabilità e robustezza.

MIX è il primo IXP italiano a superare i severi controlli previsti dalla certificazione ISO27001:2013, standard che copre tutti gli aspetti di sicurezza degli impianti e dei processi informatici. Ha conseguito, inoltre, la certificazione OIX-1 di Open-IX (rilasciata a 14 IXP nel mondo), conferma del livello di eccellenza in termini di sicurezza e affidabilità dei servizi del principale IXP italiano.

MIX è tra i soci fondatori di Open Hub Med, il primo hub neutrale in Italia per l’interconnessione delle reti del bacino del Mediterraneo verso il Nord Europa. 

By 0 Comments

SALOTTO del MIX: oltre 400 aziende Telco per discutere del futuro digitale del Paese

  • Diciassettesima edizione dell’annual event di MIX, Milan Internet eXchange;
  • Connettività, trasformazione digitale e progetti Pnrr sono stati i temi principali del dibattito della due giorni;
  • Talotta, presidente MIX: “Momento unico per parlare di innovazione e futuro.”.

Milano, 15 novembre – Un momento di confronto tra istituzioni e industria sui temi legati allo sviluppo digitale del Paese. È stato questo l’obiettivo principale della diciasettesima edizione del Salotto, l’annual event di MIX – Milan Internet eXchange, svoltosi il 14 e il 15 novembre presso Allianz MiCo a Milano. Durante quella che è stata l’edizione più partecipata di sempre, oltre 1000 operatori Telco in rappresentanza di più di 400 aziende del comparto, si sono confrontati su alcune delle tematiche attuali per il settore, quali le infrastrutture, il cloud e un focus importante sull’education.

Ad inaugurare le due giornate è intervenuto Alessandro Talotta, Executive President & Chairman MIX, delineando gli obiettivi ei temi centrali della discussione, con un particolare accento sull’importanza della connettività, della trasformazione digitale e dei progetti legati al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

“L’edizione del Salotto 2023 è stato un momento unico per parlare di innovazione e futuro. Come MIX siamo molto contenti del risultato  sia in termini di partecipazione che di contenuti. I partecipanti hanno potuto discutere di tecnologia e di sostenibilità . Si è trattato di un momento importante per affrontare i prossimi mesi con maggiore consapevolezza e impegno”. – sottolinea Alessandro Talotta, Executive President & Chairman MIX.  

Tra le novità 2023, la sezione education, rivolta agli studenti delle scuole secondarie a indirizzo informatico, per favorire l’incontro tra mondo della scuola e lavoro e quella dedicata alle associazioni di riferimento per il mondo Telco, per offrire alle aziende partecipanti un’opportunità di contatto diretto.

Tema centrale inoltre, quello della sostenibilità, su cui gli operatori Telco sono attenti da tempo. Dalla riduzione del consumo energetico per dare vita a data center sostenibili, all’utilizzo di energia rinnovabile e smaltimento attento dei rifiuti, queste le buone pratiche di un datacenter sostenibile.

Due i panel di confronto tra istituzioni e industria TELCO. “Broadband Everywhere”, moderato da Enrico Pagliarini di Radio 24/Il Sole 24 Ore, a cui hanno partecipato Giorgio Bergesio, Vicepresidente della 9a Commissione Industria del Senato, Maria Teresa Ferrigno, Responsabile TIM Wholesale Market, Guido Garrone, CEO Eolo, Stefano Mazzitelli, Direttore Mercato Business Open Fiber, Giulia Pastorella, Vice Presidente di Azione ed esperta di digitale, Daniele Peli, CEO Intred e Giovanni Zorzoni, Presidente AIIP e “Sustainability”, moderato da Layla Pavone, Imprenditrice Esperta di Digitale e innovazione tecnologica – Professoressa universitaria – Presidente Onorario IAB Italia, a cui hanno preso parte Jorge Álvarez, CEO Retelit, Federico Mollicone, Presidente della Commissione Cultura della Camera e componente dell’Intergruppo Innovazione, Alessandro Morelli, Sottosegretario al DIPE, Francesca Petriacci, Responsabile TIM Operations Area Centro e Sherif Rizkalla, CEO Italy & Switzerland Stack Emea.

Come di consueto, nel pomeriggio di entrambe le giornate si sono svolti i tavoli tecnici.

Gli oltre 1000 presenti al Salotto 2023 hanno avuto l’opportunità di visitare gli stand delle aziende sponsor e di partecipare a una ricca sessione di centinaia incontri one to one. Il Salotto, si è confermato anche per il 2023 l’evento B2B di riferimento per gli operatori del settore.

By 0 Comments