Il ruolo degli Internet Exchange nel mercato del cloud

Peering & Networking World

Il ruolo degli Internet Exchange nel mercato del cloud

By 29 Aprile 2022 No Comments

Le aziende fanno sempre più affidamento sul cloud

Molte aziende ora vedono il cloud come una parte integrante della loro strategia infrastrutturale. Per le aziende IT europee, trasferire il carico di lavoro nel network è, in effetti, una priorità. La rapida e continua crescita dell’adozione del cloud da parte delle aziende può essere attribuita ai vantaggi. Di seguito analizziamo le motivazioni principali della perché gli investimenti mondiali nel cloud toccheranno i 397 miliardi di dollari entro la fine del 2022.

I servizi del cloud possono contribuire a ridurre i costi

Il cloud può ridurre in modo significativo i costi, perché viene meno l’esigenza di possedere, gestire e mantenere in loco i server e le infrastrutture:  le aziende pagano solamente i fornitori del cloud in base ai loro fabbisogni.

In alcuni casi, i servizi in cloud sono più sicuri dell’IT interno

Le misure di sicurezza adottate dai cloud provider spesso sono più avanzate e solide rispetto alle soluzioni interne adottate dalle aziende. La raccolta dei dati nei data centre e il loro percorso attraverso la rete in cloud sono criptati, rendendo molto più difficile l’accesso da parte di soggetti non autorizzati.

Il cloud può aiutare a migliorare la flessibilità

La tecnologia del cloud computing può aiutare le aziende a rispondere meglio e più rapidamente alle esigenze che si presentano di volta in volta. Questo rende le aziende più efficienti e comporta un notevole vantaggio.

Ma il cloud presenta anche delle criticità e non è sempre la soluzione ideale per tutte le esigenze.

Non è detto tuttavia che le soluzioni in cloud siano la formula magica per la risoluzione dei problemi delle aziende! Fare affidamento esclusivamente sul cloud può comportare diversi problemi.

Il cloud può avere dei costi nascosti

Le aziende, grandi o piccole che siano, traggono vantaggio dalla flessibilità e dall’adattabilità dei servizi in cloud. Tuttavia, alcune aziende si ritrovano ad affrontare costi imprevisti.

La scalabilità automatica può presentare delle difficoltà, poiché alcuni fornitori richiedono agli utenti di scegliere in anticipo una “finestra di elasticità”, che può causare problemi di capacità quando devono far fronte a una esigenza imprevista.

Le aziende inoltre devono tenere d’occhio il costo per lo spostamento di dati dal cloud verso l’internet pubblico — conosciuto come tariffa di uscita dei dati. Questi costi si presentano ogni volta che applicazioni proprie scrivono dati fuori dalla propria rete, oppure quando i dati vengono riportati internamente. Fatturati a posteriori, questi costi spesso colgono alla sprovvista le aziende, dal momento che le applicazioni, flussi di lavoro e utenti possono continuare a utilizzare i servizi e, quindi, a far crescere i costi.

Gli aspetti “ignoti” del cloud possono comportare dei rischi per alcuni utenti

Non sempre è possibile riuscire a individuare l’esatta posizione dei dati immagazzinati o processati in cloud. Questo può aumentare i rischi dell’implementazione o della gestione del cloud, in particolare nel caso di aziende particolarmente sensibili ad aspetti di sicurezza, come quelle che hanno a che fare con dati sensibili di tipo finanziario o sanitario.

Perfomance di qualità non sempre sono garantite

Quando un’azienda sceglie il cloud diventa dipendente dai servizi del fornitore. Le performance dell’azienda sono quindi direttamente collegate a quelle del provider: se il fornitore è down, lo è anche l’azienda. Sfortunatamente, è una situazione che può verificarsi e molti dei principali provider l’hanno sperimentata in passato.

Gli IXP stanno creando un ecosistema di reti e applicazioni adatto alle esigenze della aziende moderne.

Gli IXP sono una parte integrante dell’ecosistema Internet e possono supportare le configurazioni del cloud, offrendo ad ogni operatore della rete l’opportunità di interconnettersi e scambiare direttamente il traffico di dati. Fornendo un routing ottimale alle aziende, possono assicurare ai loro clienti un’esperienza veloce, affidabile e conveniente.

Gli IXP sono in grado di gestire l’enorme mole di traffico odierno

Gli IXP supportano l’ampiezza di banda richiesta del mondo digitale, mettendo a disposizione rotte con la minima latenza e una più diffusa ed esauriente copertura. Inoltre, aiutano a mantenere liberi numerosi canali di internet riducendo percorsi di lunga distanza non necessari, alternativa preferibile rispetto all’affollato cloud pubblico.

Aiutano a tenere bassi costi per gli utenti

Oggigiorno gli IXP rivelano un nuovo potenziale e offrono l’opportunità a tutti gli operatori di rete di fare peering, eliminando l’esigenza di costose colocation, così come pure quella di acquisto e gestione degli apparati nonché i costi di cross connect da remoto. Contribuiscono inoltre ad abbassare i costi per gli utenti finali evitando i costi di transito.

In poche parole, aiutano a instradare il traffico, avere una minore latenza, ridurre i costi e a incrementare copertura e portata. Di fronte all’espansione della domanda di rete globale, gli IXP stanno contribuendo a migliorare il flusso globale di informazioni nel modo più conveniente ed efficiente.

Il peering nel principale Internet Exchange italiano

Con IXP in tutta Italia (area metropolitana di Milano, Bologna e Palermo) e un totale di 10 punti di presenza (PoP), MIX rappresenta il punto di collegamento ideale tra il centro e il sud Europa. La piattaforma di interconnessione di MIX offre ai clienti l’opportunità di scambiare traffico Internet con prestazioni di rete migliorate, maggiore controllo del flusso di dati, riduzione della latenza e dei costi di transito IP.
Per ulteriori informazioni sui servizi di peering di MIX, puoi contattare il nostro team qui